CLAUDIO CASTELLARI – arrangiamenti e direzione

Come è iniziata la tua storia con la musica?

La musica per me è una condizione naturale. Suonavano i miei genitori, mio nonno e mio bisnonno che quando avevo quattro anni mi ha insegnato a leggere la musica. Nella mia vita tutto è musica da sempre.

Il tuo percorso didattico?

Quando sono entrato al conservatorio, in prima media, avevo alle spalle già sei anni di studi musicali, alcuni di sola teoria, alcuni di batteria ed alcuni di pianoforte, ma tutti a livello poco professionale (in quegli anni era davvero difficile studiare seriamente al di fuori di un conservatorio). Dopo otto anni di conservatorio avevo un diploma di clarinetto, quattro anni di studio degli strumenti a percussione e le relative licenze di teoria, armonia e storia della musica. Da li è iniziato il mio percorso di ricerca e formazione extracurricolare. Ho studiato saxofono, ear training, armonia funzionale moderna, arrangiamento. In conclusione è un po’ che gioco con la musica in molte delle sue forme.

E quello artistico?

La musica è la mia professione da 36 anni abbondanti, raccontare tutto ciò che mi è successo e che mi ha portato qui sarebbe inutilmente lungo, se avete voglia di conoscermi meglio potete farlo qui. Oppure venire a trovarci Domenica 22 marzo 2020 alle ore 17.00 al Te.Zé di Bentivoglio. Salire sul palco e fare musica mi racconta meglio di qualunque curriculum.

Com’è lavorare a questo progetto?

Una meraviglia assoluta! Sono riuscito ad avere intorno la mia famiglia musicale ideale, musicisti con più esperienza che possono aiutare quelli più giovani, senza mai salire in cattedra ma semplicemente suonando insieme. Le prove sono poche, lunghe e faticose, ma vissute con grande serenità, allegria e professionalità e tutto questo sarà molto evidente sul palcoscenico il 22 marzo, e molto coinvolgente per il pubblico presente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.