I 6 PASSI PER ARRIVARE AL “TUO PERSONALISSIMO” SUONO

Se ascolti attentamente 10 clarinettisti classici (che molto probabilmente usano lo stesso clarinetto e lo stesso assetto bocchino – ancia) sentirai 10 diversi suoni.

La differenza è ancor più evidente se ascolti 10 saxofonisti e diventa “esagerata” se i clarinettisti o i saxofonisti arrivano dal mondo del jazz (parlo del jazz americano dalle origini fino agli anni ’60)

In questo articolo voglio parlarti dei dettagli che creano il TUO suono ovvero, tutte quelle sfumature che ti rendono unico e soprattutto RICONOSCIBILE.

Molti ti diranno che il rapporto Bocchino – Ancia è determinante sul suono, ma la storia è un pò diversa: Questo rapporto è importante nella misura in cui lascia spazio a labbro, palato e gola di processare il suono sia nell’attacco che nel suo prolungamento.

LA PEDALIERA
DI CLARINETTISTI
E SAXOFONISTI

NO! Non ti parlerò di quali effetti analogici o elettronici usare col tuo strumento amplificato (lo farò in seguito). MA DI QUALI EFFETTI PRODURRE TU STESSO utilizzando uno strumento didattico unico: LE NOTE LUNGHE. 

?(USA L’ACCORDATORE IN TUTTA  QUESTA FASE DI STUDI)

  • Emissione
  • Subtone (suono soffiato)
  • Vibrato
  • Bending
  • Glissato
  • Growl
  • ? (TRUCCO PER SENTIRE AL MEGLIO QUELLO CHE FAI) METTITI A CIRCA 40-50 Cm DALLA PARETE DELLA STANZA IN CUI SUONI.

N°1 L’EMISSIONE è figlia dell’impostazione sullo strumento quindi darò per scontato che TU ne abbia una (la migliore possibile).

RICORDI??? Per cambiare il TUO suono devi aumentare l’elasticità di labbro, palato e gola.

?️‍♂️ ESERCIZI: 1) Suona una nota lunga nel registro centrale e prova a tenere il palato alto (come per uno sbadiglio) pensando di pronunciare una O chiusa alla francese. 2) cambia assetto lasciando libero il palato di salire e scendere pensando alle vocali A – E – I – U. (quanto e come cambia il tuo suono??) Prova anche a spostarti più avanti nell’appoggio sul bocchino!(PER LA PRONUNCIA JAZZISTICA è utilissimo suonare le scale alternando U – A ad ogni nota)

N°2 Il SUBTONE (o suono soffiato) è figlio di un appoggio senza il sostegno dei denti inferiori sull’Ancia, (? richiede molto più sostegno col diaframma per non stonare)

?️‍♂️ ESERCIZI: 1) Suona una nota lunga nel registro centrale e PROGRESSIVAMENTE lascia andare i denti inferiori fino a sostenere l’ancia solo col labbro. 2) Attacca il suono solo con l’aria e PROGRESSIVAMENTE stringi col labbro inferiore fino a sentire il suono (con una grossa percentuale di aria) DOSA IL RAPPORTO SOFFIO – SUONO secondo il tuo gusto personale ma OCCHIO ALL’INTONAZIONE!

N°3 Il VIBRATO è un discorso a sè!

I clarinettisti classici preferiscono tenere il suono fermo (non vibrare), i saxofonisti classici (almeno quelli della scuola Italiana del sax) studiano il vibrato a metronomo (da 60 a 120 bpm in quarti, ottavi e terzine di ottavi )

NELLA MUSICA D’ASSALTO LA VARIETA’ DI EFFETTI E’ PARTE DELLA PERSONALIZZAZIONE DEL SUONO!

?️‍♂️ ESERCIZI: 1) Suona una nota lunga nel registro centrale, (TIENI BEN SALDO L’APPOGGIO DEI DENTI SUPERIORI) e muovi il labbro inferiore sul proprio asse (?… SU E GIU’ come in una masticazione ??) FAI ATTENZIONE A FREQUENZA E AMPIEZZA (velocità del movimento in bpm e apertura della bocca facendo in modo che a vibrare siano gli armonici del suono e non l’onda principale ? l’ampiezza non supera MAI il semitono) IMPARA AD USARE DIVERSI VIBRATI MA STANDO SEMPRE ATTENTO ALL’INTONAZIONE (solo nel liscio romagnolo lo stile impone un vibrato che in realtà cambia la fondamentale rendendolo più simile ad un bending veloce e ripetuto).

2) Fai la stessa cosa su diversi registri del tuo strumento sperimentando diversi vibrati in relazione all’altezza del suono o al tipo di fraseggio. (puoi prendere spunto dall’ascolto di Coleman Hawkins, Lester Joung (che spesso usa vibrato e subtone insieme) o Ben Webster (che usa un sacco di effetti mescolandoli insieme per un suono personalissimo e riconoscibile fin dalle prime note).

? PRESTO IN ARRIVO I VIDEO DIMOSTRATIVI DI QUESTI ESECIZI.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.